Chiama

Maps

Whatsapp

Dal 25 maggio 2018 è fondamentale adeguare il proprio sito web al nuovo regolamento generale sulla protezione dei dati personali, riconosciuto a livello internazionale con la sigla GDPR.

Come adeguare un sito web al GDPR e al nuovo regolamento europeo sul trattamento dati personali.

Con il nuovo regolamento (scarica qui il Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio), l’Unione Europea ha voluto creare una legislazione relativa al trattamento dei dati personali chiara e valida per tutti i cittadini europei in modo che la loro privacy sia maggiormente tutelata rispetto al passato. Anche i siti web che, in primis, raccolgono migliaia e migliaia di dati personali dagli utenti devono quindi adeguarsi al nuovo regolamento europeo fornendo all’utente che presta il consenso informazioni chiare e dettagliate sulla modalità di trattamento dei dati, sul tempo di conservazione dei dati personali e sulle motivazioni di raccolta dei dati stessi.

GDPR: cos'è

La nostra web agency, ha affrontato il problema e siamo riusciti a chiarire maggiormente le idee su questo importante tema che riguarda tutti noi in modo da comprendere come adeguare il sito web in modo corretto al GDPR e renderlo conforme al nuovo regolamento europeo in materia di privacy policy.

Come rendere un sito web conforme al GDPR in pratica

Per capire se un sito web sia conforme alle nuove leggi in materia di privacy regolamentate dal GDPR sono tre i principi fondamentali su cui deve basarsi: il consenso dell’utente, la criptazione dei dati e l’accesso ai dati personali degli utenti.  Innanzitutto, quindi, ogni sito web, per raccogliere e conservare dati da parte degli utenti, deve avere il loro consenso e tale consenso deve essere chiesto in modo chiaro e preciso; in secondo luogo il sito web deve specificare, nella sua privacy policy il nome del titolare del trattamento dei dati personali e se questi dati vengono gestiti esclusivamente dal titolare o se vengono inoltrati ad altre figure come il data protection officer o le agenzie di comunicazione che ne fanno utilizzo di marketing e, inoltre, il sito web deve specificare le motivazioni per cui i dati vengono raccolti e come vengono utilizzati.

Infine, la crittografia dei dati personali deve essere assolutamente garantita: questo significa che i dati di tutti gli utenti, inviati quindi al sito web, non possono essere codificati o criptati. In questo modo si cerca di prevenire il furto di informazioni sensibili, nel caso di un attacco informatico. Ogni sito web, per potersi adeguare alla GDPR, deve installare un sistema di sicurezza per la trasmissione sicura dei dati sensibili.

Ma non è tutto: le note relative alla privacy degli utenti devono basarsi su un linguaggio chiaro e comprensibile, devono risultare facili da leggere e poter essere interpretate senza difficoltà e le stesse regole devono essere valide per le comunicazioni che riguardano l'impiego dei cookie all’interno del sito web.

I diritti degli utenti di un sito web in base al GDPR

Nella realizzazione di un sito web, la sezione inerente la privacy policy dovrà prevedere, oltre alla possibilità di dare il consenso al trattamento dei dati personali, anche la possibilità di rifiutare la registrazione e la conservazione dei dati e di poter cambiare idea in merito in ogni momento. È importante, infine, che ogni qualvolta le aziende titolari dei dati personali informino gli utenti sulle agenzie di terze parti a cui viene concesso il diritto di accedere ai dati personali, queste stesse terze parti dispongano di procedure in linea con le prescrizioni contenute nei nuovi regolamenti e, in sostanza, si siano adeguate alle imposizioni del GDPR. Vuoi sapere se il tuo sito web è conforme al GDPR? Chiedici una consulenza!

Commenta questo Articolo